Miscelatore Record Nazionale

La seconda edizione della competizione, promossa da Giulio Cocchi in collaborazione con altre case storiche della liquoristica italiana: Alpestre, Campari, Fabbri, Luxardo, Nardini, StregaTassoni e Vecchia Romagna è iniziata con la selezione dei 10 finalisti. La selezione delle dieci polibibite finaliste è avvenuta davanti alla Camera di Commercio: anche quest’anno il livello della partecipazione al concorso è stato di altissimo profilo, con approfondimento storico e ricerca accurata.

I Finalisti

Carlo Barison del La Duchessa di Spinea con la polibibita Rinascita Serenissima

Luca Del Prete del Fabric di Portici con la polibibita SelosapesseMarinetti

Valerio Dussich del Caffè Vittorio Emanuele di Bologna con la polibibita Col’Azione

Elisa Favaron del Palazzo delle Misture Bassano del Grappa con la polibibita La Sfacciata

Marco Fedele  del Duke’s di Roma con la polibibita Mamma ho steso il bucato

Nicola Mancinone del Confessionale – Vermut and Mix Bar di Asti con la polibibita Infodieta

Luca Menegazzo de L’Estremadura Café di Verbania con la polibibita Il Volo sul Verbano

Alessandro Tenconi del Punch di Lora con la polibibita Ferie di Fretta

Valerio Trentani del Mandarin Oriental di Milano con la polibibita Tuttoilcontrario

Salvatore Vita dell’Osteria Tipica La Carbonara di Roma con la polibibita Litalica Transitoria

La Finale

La finale dell’edizione 2017 si è svolta come da tradizione a Torino il 26 giugno 2017 presso l’NH Hotel di Piazza Carlina, in a due passi dalla Mole Antonelliana.

I dieci finalisti hanno preparato le loro “polibibite” sotto gli occhi attenti di una giuria atipica: Fulvio Piccinino, barman e studioso autore del libro “La Miscelazione futurista”; Mauro Mahjoub, il “Re del Negroni” direttamente da Monaco; Leonardo Leuci, fondatore e barman del primo speak-easy italiano, il Jerry Thomas di Roma; Rossella De Stefano, giornalista di Bargiornale e Roberto Bava, AD di Cocchi e alla presenza della funzionaria della Camera di Commercio di Torino Silvia Binda.

La Premiazione

Anche quest’anno è stata una donna ad aggiudicarsi il titolo di Miscelatore Record Nazionale Futurista 2017: Elisa Favaron, del Palazzo delle Misture di Bassano del Grappa, con la sua polibibita La Sfacciata. Per quanto riguarda gli altri finalisti, alcuni hanno ricevuto la menzione speciale dei partner: menzione speciale Fabbri per Salvatore Vita dell’Osteria Tipica La Carbonara di Roma che ha concorso con la polibibita Litalica Transitoria; menzione speciale Liquore Strega a Valerio Trentani del Mandarin Oriental di Milano che ha ideato la polibibita Tuttoilcontrario; menzione speciale Giulio Cocchi a Luca Menegazzo de L’Estremadura Cafè di Verbania per la polibibita Il Volo sul Verbano; e infine menzione speciale Vecchia Romagna per il concorrente Giacomo Sai del MOR Cocktail Bar di Trieste che ha partecipato con la polibibita 12.1.

Il Premio

si è aggiudicata la corona metallica di Farfa e i biglietti per volare alla Cocktail Week di Londra, una delle manifestazioni europee di riferimento nel settore della miscelazione.

La Polibibita Vincitrice

La Sfacciata è una polibibita descritta dall’autrice Elisa Favaron così: “la complessità del drink rispecchia la Donna Futurista che deve riuscire a trovare un nuovo equilibrio, a metà strada tra Maschile e Femminile e una nuova armonia fra Corpo e Anima”.
Composizione: 25 ml Riserva Nardini 40°, 25 ml Sangue Morlacco Luxardo, 30 ml Barolo Chinato Cocchi
Nel bicchiere: meringa italiana, ciliegia Fabbri, colorante alimentare nero

Tre profumi accompagnano la polibibita: “#1”, giardino di camomilla e gelsomino; “Cuir X” con sentori di cuoio, tabacco e spirito d’avena; “Les Indies Galantes”, un viaggio nelle Indie Orientali

 

La Festa

Futurista anche la tutta la serata, con l’intrattenimento del Sior Mirkaccio Dettori, Mangia-In-Piedi e ospiti arrivati da tutta Europa.