04/05/2024

Cocchi al Roma Bar Show 2024

Il 14 e 15 maggio 2024 Cocchi sarà al Roma Bar Show, evento esclusivamente dedicato all’industria del beverage e al mondo della mixology, nella storica cornice del Palazzo dei Congressi.

Lo stand Cocchi (F03) sarà ancora una volta il regno dei Vermouth nelle diverse declinazioni: lo Storico Vermouth di Torino, il Vermouth di Torino Extra Dry “Ricetta Piemontese”, il Vermouth Amaro Dopo Teatro; e ancora: l’Aperitivo Americano, il Cocchi Rosa, il Barolo Chinato.

Da sempre punto di riferimento nel mondo della mixology per i suoi iconici vini aromatizzati e lo spirito di ricerca e creatività che il brand sa esprimere, nel rispetto di una rigorosa tradizione piemontese, da Cocchi sarà possibile degustare in compagnia della famiglia Bava una selezione dei grandi classici e delle ultime novità, in purezza e in miscelazione.

A fianco della Brand Advocacy Manager Sonia Elia, guest bartenders allo stand Cocchi saranno Lucia Montanelli (head bartender del Vesper Bar at The Dorchester, Londra, il 14 maggio) e Angelo Sparvoli (head bartender dell’American Bar at The Savoy Hotel, Londra, il 15 maggio).

 

“E’ per me un grandissimo piacere avere l’opportunità anche quest’anno di essere allo stand Cocchi per Roma Bar Show 2024 e poter continuare una collaborazione che dura ormai da otto anni – commenta  Sparvoli -. Non vedo l’ora di poter svelare i progetti su cui stiamo lavorando insieme al team dell’American Bar e di portare avanti il nostro rapporto sia di amicizia che lavorativo negli anni a seguire”.

La drinklist di Lucia Montanelli:

COCCHI SUN

50 ml Cocchi dry
30 ml Cordiale allo zafferano e agrumi
60 ml Asti Spumante
Foglia di basilico

COCCHI POP

50 ml Cocchi Rosa
20 ml Power Pop tomato cordial
60 ml Cocchi Brut
Uva bianca

THE 1891

35 ml Storico Vermouth di Torino Cocchi
15 ml Amaro Santoni
70 ml Tonic Water
Spicchio d’arancia

 

 

La drinklist di Angelo Sparvoli:

PANCALIERI SPRITZ

25 ml Cocchi Americano Bianco
10 ml Cocchi Dry
15 ml Tanqueray N.10
[20 ml Grapefruit cordial]
Splash Soda water
Top Cocchi Brut

 

Ispirato ad un classico spritz, si vogliono esaltare le note fresche ed amaricanti dell’Americano Bianco e dell’Extra Dry accostate alle note agrumate del gin.
Cocchi Brut a colmare per un finale rotondo e frizzante.

STORICO HIGHBALL

25 ml Chivas 12yo
25 ml Cocchi Dopo Teatro
10 ml EVE
3 drops Saline
Top Soda water

Ispirato ad uno scotch & soda, il Dopo Teatro conferisce struttura al drink e note amaricanti di china. Il blended scotch, morbido e delicato, completa la parte alcolica.
Il iquore alle foglie di fico dona un finale tropicale e leggermente ebraceo che si sposano perfettamente con la parte amara del drink.

Build / Highball / Ice cubes / Lemon peel

OAK & SMOKE

35 ml Barolo Chinato
15 ml Storico Vermouth di Torino Cocchi
25 ml Del Maguey Vida
10 ml Pierre Ferrand Dry Curacao

Stir / Rock / Ice cubes / Orange peel

Ispirato ad un Martinez, in cui il Barolo Chinato e lo Storico Vermouth di Torino Cocchi la fanno da protagonista andando a costituire la base alcolica del drink.
Il mezcal completa il drink con note erbacee ed affumicate arrotondate dal curacao.

 

Lucia Montanelli è una pluripremiata esperta del settore beverage e manager del Vesper Bar at The Dorchester. Ha iniziato la sua carriera a Viareggio, al The Club American bar e al Best Western Grand Hotel Royal nel 2004, dove è rimasta fino al 2012. Al The Club American bar Lucia ha lavorato come bartender e supervisore del ristorante, e al Best Western Grand Hotel Royal ha assunto il ruolo di head bartender.
Nel 2013, Lucia si è trasferita all’Hotel Westin Excelsior di Firenze per lavorare come bartender per due anni, prima di trasferirsi a Londra nel 2014. Qui ha iniziato al St James’ Hotel and Club, dove ha lavorato per un anno prima di unirsi al team del Dorchester come cameriera nell’agosto 2014. Lucia è stata rapidamente promossa a bartender nell’aprile 2015 e, infine, a bartender senior nel 2017.

Nella sua permanenza, Lucia ha rappresentato l’hotel all’UKBG National Championship Cocktail Competition nel 2015 e ha conquistato il titolo di campionessa, diventando la prima donna a raggiungere questo livello.

Ha poi rappresentato il Regno Unito a Tokyo, ai campionati mondiali IBA nel 2016 e ha vinto la medaglia d’oro nella categoria Sparkling Cocktail e la medaglia di bronzo nella classifica complessiva (60 paesi). Lucia ha anche vinto le finali nazionali del Regno Unito della Beluga Signature Competition 2019 ed è passata alle finali mondiali per vincere il titolo globale a Mosca con il suo cocktail “Beluga Dreamers Awake”. Si è occupata del lancio del Vesper Bar e dell’Artists’ Bar e continua il suo ruolo di guida con idee innovative e creatività.

 

Angelo Sparvoli inizia la sua carriera da bartender nel 2013, a Camerino, la sua città natale, nel cuore delle Marche, dove principalmente si occupa di preparare caffè e cocktails classici. L’ambiente amichevole e il contatto con gli ospiti lo rendono curioso e determinato ad imparare ogni segreto del mondo del bar. L’ambiente amichevole e il contatto con gli ospiti lo rendono curioso e determinato ad imparare ogni segreto del mondo del bar e presto inizia a viaggiare; prima a Londra, dove frequenta dei corsi di american bar basic e avanzato, e successivamente in Portogallo, dove inizia la sua prima esperienza professionale e formativa in un cocktail bar.

Nel gennaio 2016, ha l’occasione di avere un colloquio con il bar manager dell’American Bar, presso The Savoy Hotel di Londra, considerato il templio del bartending e uno degli hotel più famosi del mondo. Nell’agosto del 2016, determinato nel migliorare le sue competenze e il suo profilo professionale, si trasferisce a Londra ed entra a far parte del team come barback per poi diventare bartender. Il suo percorso sotto la guida del bar manager, Declan McGurk e degli head bartender Erik Lorincz prima e Maxim Schulte poi, dura tre anni e mezzo, durante i quali vince con il team diversi premi internazionali, tra cui il miglior bar del mondo ai World’s 50 Best Bars 2017 e ai Tales of the Cocktails 2018.

Il tempo trascorso all’American Bar gli da la possibilità di viaggiare e di creare connessioni in tutto il mondo, da Tokyo a New York e Lima, espandendo sempre di piu i suoi orizzonti. Nel gennaio 2020 lascia l’American Bar e si unisce al suo mentore, Erik Lorincz, nel suo nuovo Kwãnt. Terminata quest’ultima esperienza approda al St. James bar di Londra come head bartender, durante il quale lavora a due menu e vince la Tio Pepe Challenge UK, piazzandosi poi al terzo posto alla finale mondiale.
Il 25 marzo 2024, dopo quasi due anni e mezzo trascorsi al St James, torna all’American Bar con il ruolo di head bartender, al fianco del suo allora collega ed attuale bar manager Andrea di Chiara.